DROGA, PROSTITUZIONE E GIOCO D’AZZARDO

...DROGA, PROSTITUZIONE E GIOCO D’AZZARDO

Nell’Italia Unita vizi degli uomini come la droga, la prostituzione e il gioco d’azzardo sono vietati dalla Legge e nessuno può essere sollevato dai controlli della Guardia di Finanza. Ma nonostante ciò, si continua a pagare le donne per avere sesso, si continua a chiedere dosi agli spacciatori, si continua a scommettere in privato o col giuoco delle carte o sugli eventi sportivi. Il Monopolio di Stato, ormai, controlla gran parte dei giochi come il lotto, superenalotto, poker e altri giochi on line, bingo, gratta e vinci, scommesse sportive, ecc., e grandi introiti da questi giochi entrano nelle casse dello Stato. Non parliamo poi del consumo delle sigarette e sigari, che è aumentato, invece che diminuito secondo le statistiche, e tutto è tassato dallo Stato, insieme all’alcool, come tutti sappiamo. Molti giovani, anche minorenni, sono assai attratti da questi vizi e si parla di alcune città turistiche italiane come delle piccole Las Vegas. Il confine tra il lecito e l’illecito è molto sottile e spesso la richiesta di droga è molto alta per gioia delle organizzazioni criminali. Infatti, i finanzieri sono ormai a conoscenza che oltre il 90% delle entrate della malavita deriva da questi tre vizi degli uomini.
Dal nostro canto (SBG), come Scienza del Buon Governo, proponiamo la legalizzazione delle droghe leggere come l’hashish, la marijuana, la canapa indiana (anche la coltivazione delle piantine) considerate dalla sanità internazionale addirittura come medicamentose. Proponiamo la libera vendita e il consumo ad uso personale, come avviene in Stati più avanzati del nostro. Ma ovviamente non bisogna farne abuso come in tutte le cose e il nostro motto, valido per tutti e tre i vizi degli uomini, è il troppo stroppia. Monopolizzando la vendita delle droghe leggere, aprendo di nuovo le case chiuse (ex Legge Merilin: legalizzazione della prostituzione e tassazione della stessa) e consentendo a tutti il giuoco d’azzardo, le polizie preposte al controllo darebbero un duro colpo alle cosche mafiose, camorriste e alla ‘ndrangheta calabrese, quest’ultima con stretti legami con narcotrafficanti sudamericani.
La nostra proposta di Legge apporterebbe allo Stato flussi di denaro ingenti, che consentirebbero il rilancio dell’economia e dello stesso commercio nella Repubblica.

Vincenzo Benincasa dalle MEDITAZIONI SOCIALI

Autografo
DROGA, PROSTITUZIONE E GIOCO D’AZZARDO

 

 

Gruppo Facebook del Movimento Presidenzialista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*